SostenibilitaGovernance Sostenibilita48


Per saperne di più sulle nostre Politiche ci puoi contattare a:
ESG@iccrea.bcc.it

Il Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea ritiene la sostenibilità un’opportunità per riaffermare i principi e i valori della cooperazione di credito valorizzando l’attenzione che le BCC dedicano al territorio, alle persone e all’economia locale, nel rispetto dell’ambiente e nel perseguimento dell’Articolo 2 dello Statuto delle BCC.

La governance della sostenibilità

Il Gruppo è dotato di un sistema di governance della sostenibilità, intesa come integrazione dei tre fattori ESG (Environmental, Social e Governance) nella definizione delle strategie e nei processi operativi e di controllo, che poggia su precisi centri di responsabilità. Questo sistema favorisce il coinvolgimento degli organi aziendali e delle varie aree aziendali in via trasversale, tenendo in primaria considerazione l’obiettivo di creazione e distribuzione di valore per tutti gli stakeholders.

Il Consiglio di Amministrazione definisce le linee guida e le strategie del Gruppo in materia di sostenibilità, avendo particolare riguardo agli obiettivi di finanza sostenibile e di integrazione dei fattori ambientali, sociali e di governance (ESG) nei processi relativi alle decisioni aziendali. 

È responsabile dell’integrazione degli obiettivi afferenti alle tematiche ESG nel piano industriale, nel sistema di gestione dei rischi e dei controlli interni e nelle politiche di remunerazione. In particolare, quindi, il Piano di Sostenibilità in cui sono declinate le strategie ESG, le politiche e le linee guida di indirizzo di Gruppo afferenti alla sostenibilità sono approvate dal Consiglio di Amministrazione, previo vaglio, per quanto di specifica competenza, del Comitato Rischi e del Consigliere Delegato alla Sostenibilità.

Il Consiglio di Amministrazione, inoltre, valuta e approva la Dichiarazione Consolidata Non Finanziaria (DCNF) che mette in evidenza gli obiettivi raggiunti dall’azienda in materia di Sostenibilità anche in esito all’attivazione del processo di stakeholder engagement e identificazione dei cd. “temi materiali”.

L’azione del Consiglio di Amministrazione si estrinseca, dunque, sia sul fronte strategico sia sul fronte della compliance normativa e gestione dei rischi nonchè nella profonda e continua azione di impulso e supervisione sulla materia atta ad attivare progetti e interventi che, nel solco della storica azione di supporto al territorio attuata dalle Banche di Credito Cooperativo, possano agevolare e favorire la transizione sostenibile.

Il consigliere delegato alla sostenibilità

Il Consiglio di Amministrazione è supportato nella sua azione in materia di sostenibilità da un Consigliere Delegato alla sostenibilità, coadiuvato da un Comitato Scientifico per la Sostenibilità e dalla Unità Organizzativa Group Sustainability & ESG Strategy, che lo supportano nell’espletamento delle sue funzioni consultive e propositive verso l’Organo di supervisione strategica. Il Consigliere Delegato alla Sostenibilità sovrintende alle tematiche connesse alla sostenibilità nell’ambito dei poteri attribuitegli, in conformità con gli indirizzi generali e strategici definiti dal Consiglio di Amministrazione. In particolare è responsabile della predisposizione e monitoraggio del Piano di Sostenibilità e dell’elaborazione della Dichiarazione Consolidata Non Finanziaria (DCNF).

Il comitato scientifico sulla sostenibilità

Il Comitato Scientifico per la Sostenibilità è un organo extra consiliare con funzione consultiva, presieduto dal Consigliere Delegato e composto da rappresentanti dei principali stakeholder del Gruppo, ovvero le BCC e il mondo universitario, associativo e imprenditoriale. La sua principale funzione è quella di fornire al Consigliere Delegato un punto di vista esterno e strategico sugli obiettivi di sostenibilità, di supportare lo stesso nello sviluppo del Piano di Sostenibilità, di promuovere la cultura della sostenibilità all’interno e all’esterno del Gruppo e di contribuire all’individuazione dei temi materiali a fini strategici e di conseguente rendicontazione. La composizione del Comitato Scientifico viene rinnovata ogni tre anni.

L’unità organizzativa competente

L’Unità organizzativa Group Sustainability & ESG Strategy di Iccrea Banca rappresenta il focal point aziendale in ordine alle tematiche di sostenibilità e svolge un ruolo propositivo e di coordinamento sul fronte della Sostenibilità, indirizzando la sua azione lungo le seguenti principali direttrici: i) definizione delle strategie di sostenibilità e conseguente monitoraggio; ii) integrazione dei fattori ESG nei processi aziendali e coordinamento delle connesse progettualità; iii) predisposizione della Dichiarazione Consolidata Non Finanziaria (DCNF) al fine di rendicontare i risultati raggiunti dal Gruppo in ambito ESG in coerenza con gli obiettivi e impegni dichiarati; iv) interazione con le società del Gruppo e con le Associazioni di Categoria con il fine di supportare il Gruppo nel proprio percorso di sviluppo sostenibile.

L’unità organizzativa “Rischi ESG e attività trasversali”

Inserita all’interno dell’Area Chief Risk Officer, l’Unità organizzativa Rischi ESG e attività trasversali svolge un ruolo di coordinamento delle attività che caratterizzano i processi di individuazione, misurazione e gestione dei rischi ESG, nonché dei percorsi evolutivi e di consolidamento volti alla piena integrazione dei rischi ESG nel più ampio framework di Risk Management di Gruppo.

Le politiche di sostenibilità del Gruppo

La sostenibilità oggi è una scelta obbligata per imprese e istituzioni finanziarie. Non si tratta di un approccio temporaneo, ma del principio che guiderà la crescita e lo sviluppo economico e sociale futuro.

In questo nuovo contesto il Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea, da sempre impegnato nella promozione dello sviluppo sostenibile dei territori, considera prioritario rendere concreto tale impegno anche attraverso Politiche finalizzate a integrare la sostenibilità nel modello di business, nei processi operativi e di controllo, a beneficio delle banche e della clientela. 

Con particolare riguardo alle politiche di sostenibilità in tema di investimenti consulta la pagina della Finanza sostenibile.

Le Carte degli Impegni


Il Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea conferma la sua mission con la Carta degli Impegni in materia di Ambiente e Cambiamento Climatico e la Carta degli Impegni in materia di Diritti Umani, rinnovando l’impegno concreto e responsabile nei confronti dei temi ambientali, sociali e dei diritti umani, a garanzia del perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’ONU (SDGs – Sustainable Development Goals) fissati nell’Agenda 2030.

In coerenza con il Piano di Sostenibilità, le Carte degli Impegni delineano un percorso virtuoso e di evoluzione nell’ambito della sostenibilità a partire dalla base valoriale e dai principi comuni del Gruppo, fondamentale sia per continuare a garantire la storica azione di supporto al territorio svolta dalle BCC, sia per il raggiungimento di obiettivi coerenti con l’attuale e rafforzato quadro normativo in materia.

In particolare, la Carta degli Impegni in materia di Ambiente e Cambiamento Climatico definisce l’impegno del Gruppo in materia di impatti ambientali diretti e indiretti, attraverso lo sviluppo di un percorso di gestione, nonché la promozione di azioni e comportamenti virtuosi - soprattutto tra i collaboratori, i clienti, i fornitori delle BCC aderenti e società del perimetro - e la diffusione di una cultura ambientale nell’ambito delle proprie sfere di influenza.

Nella Carta sono, quindi, individuate le linee guida volte alla riduzione degli impatti ambientali diretti (derivanti dalle attività aziendali che determinano il consumo di risorse, la produzione di rifiuti e le emissioni di sostanze nocive) e degli impatti ambientali indiretti (generati dai comportamenti di soggetti terzi, nonché dall’azienda in quanto fornitrice di beni e servizi).

La Carta degli Impegni in materia di Diritti Umani sancisce, invece, l’impegno del Gruppo nella promozione e tutela dei diritti umani, sia internamente - grazie a un’effettiva integrazione degli aspetti relativi alla tutela di tali diritti nelle diverse strategie ed operatività - sia presso le controparti (soci, clienti, fornitori), favorendo comportamenti virtuosi lungo tutta la catena del valore.